lunedì 27 febbraio 2012

Il caso Ferrara: L'ufficio turistico strumento di marketing del territorio


La gestione degli IAT della Provincia di Ferrara è diventato un caso di studio. Merito del responsabile, dr Ricci Mingani, del personale che vi lavora e della Provincia che ha creduto in questo servizio. A Ferrara sono nate le "Lezioni di Territorio", formula alla quale anche io ho dato un piccolo contributo, e che sono state riprese in tante altre parti del paese. In estrema sintesi si tratta di viaggi di scoperta del territorio, o meglio di "seminari itineranti", fatti assieme (pubblico e privato), che prevedono anche degli approfondimenti teorici, oltre che pratici. Il caso degli IAT in provincia di Ferrara testimonia anche l’effettiva evoluzione del ruolo degli Uffici informazione, e il loro reale contributo alle strategie di un territorio sia in termini di indicazioni provenienti dall’ascolto della domanda, che di verifica dei risultati, e dell’efficacia delle campagne. Dunque "non solo informazioni e depliant gratuiti".
La Provincia di Ferrara nelle sue ultime campagne per esempio ha previsto l'invio di materiali, a chi ne fa richiesta, contenenti dei coupon. Le richieste sono  state contabilizzate dagli IAT per provenienza, data, e grazie ad un codice anche in base al media che ha stimolato la richiesta, così da sapere di ogni pagina pubblicitaria, oppure di ogni banner o altro stimolo sul web, quante richieste ha generato. Anche il coupon contiene un numero d’ordine, chi lo riceve andando a Ferrara può consegnarlo allo IAT per avere un gadget-omaggio (mktg del Ricordo), ad es. una piccola ceramica "donata assieme ad un bigliettino firmato", ed anche altre cose più particolari. Naturalmente se la relazione resta sul web, e non c'è visita allo IAT, il gadget viene inviato in pdf. All’arrivo del visitatore nello IAT gli vengono poste alcune domande (questionario): quanti siete? è la prima volta che venite qui? dove alloggiate (categoria) per quanto tempo.... In tal modo si riesce a stimare anche l’indotto generato.
Insomma lo IAT come strumento di ascolto e di verifica dei risultati. Un passo in avanti rispetto ai tanti IAT statici verso l'obiettivo di uno IAT come strumento di marketing del Territorio.
Se il tema vi interessa seguitemi anche su Twitter @GDallAra

Nessun commento:

Posta un commento

Archivio blog