martedì 23 ottobre 2012

Comunicazione è condivisione


"La parola "comunicazione" deriva da un'antichissima radice sanscrita (com, con il senso di "mettere in comune" successivamente evoluta nel latino communis (comune) composto dall'unione di cum (insieme) e munis (obbligazione, debito, dono). Vi è dunque in questa parola un elemento che richiama la reciprocità, il vincolo collettivo, in ultima analisi il sentimento fondativo del vivere sociale: si nota immediatamente che si tratta della stessa radice della parola "comunità" e non a caso i due termini ricorrono spesso assieme. "Comunicare" significa quindi anche "condividere" e la comunicazione può essere considerata perfino come uno dei rituali attraverso i quali riproduciamo costantemente il "collante" della società. Concepire la comunicazione come communis, come condivisione, rappresenta un ritorno all'uso che per secoli si è fatto di questa parola: pensiamo alla comunicazione nel senso antico di "comunione eucaristica" del cristianesimo".
Cfr Teologia della comunicazione, Wikipedia

Nessun commento:

Posta un commento

Archivio blog