giovedì 9 maggio 2013

Il turismo si occupa di persone non di merci



"I turisti di oggi hanno quasi sempre alle spalle altre esperienze di viaggi, per cui si dimostrano clienti alquanto sofisticati: sanno dove vogliono andare, come ci vogliono arrivare e cosa vogliono fare una volta a destinazione. Gli agenti di viaggio non riescono più a intruppare mandrie di turisti elettrizzati su charter, farle scorazzare in pullman a destra e a manca indirizzandole in questo o in quel ristorante. Il quadretto della famigliola davanti al pullman turistico è ormai fuori moda" 
John Naisbitt Il paradosso globale, Franco Angeli Milano 1996



Nessun commento:

Posta un commento

Archivio blog