sabato 8 novembre 2014

Guide turistiche: guardiamo oltre


Oggi vi propongo un paio di riflessioni sul tema guide turistiche:

Donato Arcaro scrive: Cosa pensa il prof. Dall'Ara della "guida turistica nazionale" e del riconoscimento delle guide turistiche di tutta Europa? A me pare francamente un'assurdità. Se c'è una professione legata al territorio, questa è proprio la guida turistica, che deve essere l'ambasciatore del proprio territorio. Io sono guida della Valle d'Aosta e non mi sogno neppure lontanamente di andare a fare la guida nemmeno a Ivrea, che non conosco in maniera profonda, in tutti i suoi aspetti, non solo quelli storico-artistici. Al di là di questione meramente sindacali, in questo modo non rendiamo un buon servizio al nostro Paese, così variegato, diversificato, ricco di tradizioni, lingue, costumi, storie, prodotti che costituiscono un grande valore aggiunto all'offerta turistica italiana."

Risponde Daniela Bacca: Donato, mi permetto di esprimere qualche riflessione. Sono una tua collega di Puglia. Ormai la guida nazionale e' una realtà' e la normativa e' entrata in vigore. Cerchiamo di non scoraggiarsi e di guardare oltre. Il viaggiatore consapevole non rinuncerà' a volersi far prendere per mano dalla guida locale, se desidera immergersi nella profondità' della conoscenza ed esperienza profonda del territorio. Per guida nazionale, come categoria delle guide, dovremmo intendere da oggi una professione che abbia come requisiti, diritti di esercizio, modalità' di esami, etc... paritari con un'auspicabile elenco delle guide tricolore. Altresì' le guide abilitate già' attive devono considerarsi, secondo noi, già' automaticamente specializzate, senza alcuna verifica futura, al fine di esercitare in modo democratico anche negli eventuali siti protetti. Il rischio, infatti, potrebbe essere quello di essere soffocati da una parte dai colleghi europei e dall'altra dalla chiusura dei siti che dovrebbero essere illustrati sono da guide specializzate che, leggendo la bozza ministeriale, non coincidono automaticamente alla guida abilitata."

Nessun commento:

Posta un commento

Archivio blog