martedì 14 luglio 2015

L'accoglienza è anche promozione. Un commento di Michelangelo Stanzani


Qualche giorno fa ho scritto un post sul tema "Turistofobia". Tra gli altri commenti ne ho ricevuto uno da Michelangelo Stanzani, che vi propongo di seguito:
"Ci sono tanti modi di fare promozione, e per ciascuno bisogna aspettarsi dei risultati, tra loro anche molto diversi. L'accoglienza è (anche) promozione, e il risultato di una buona politica di accoglienza è un turismo che cresce ma in forma più responsabile - perché informato e fatto partecipe: i turisti che si sentono accolti da una comunità iniziano a parlar bene della destinazione fin da quando ci sono in vacanza, rappresentando per i loro conoscenti una fonte più autorevole di qualunque forma di pubblicità. Ed è facile che tornino. Così si risparmia e si fa un gran bene alla propria reputazione. L'alternativa è investire milioni in promozione per poi non sapere gestire i flussi più incontrollati e finire col trattare male i turisti. Conoscere chi ci viene a visitare, e accoglierlo di conseguenza, sarebbe già un primo passo."

1 commento:

  1. Concordo. Anche se per far diventare una comunità "accogliente" c'è bisogno di un buon lavoro di comunicazione, sensibilizzazione e tempo. Troppo spesso le comunità locali guardano il turista come un estraneo, forse un impiccio/problema per il territorio,così come molti operatori turistici tendono a vedere il turista colo come un conto corrente da svuotare. C'è tanto lavoro da fare. Sono fiducioso nel futuro.

    RispondiElimina

Archivio blog