domenica 3 gennaio 2021

Carlo Levi descrive l'ospitalità

                                                 Aliano (Matera), foto di @arianna.cvl 

Cominciamo questo 2021 con una bella riflessione di Carlo Levi, tratta da "Cristo si è fermato a Eboli", capolavoro della letteratura italiana, che non ha perso nulla in attualità, nel quale viene raccontato l'incontro con la cultura contadina del Mezzogiorno e della Basilicata in particolare:

“la virtù prima e antichissima di queste terre: l’ospitalità; la virtù per cui i contadini aprono la porta all’ignoto forestiero, senza chiedergli il suo nome, e lo invitano a mangiare il loro scarso pane; di cui tutti i paesi si contendono la palma, fieri ognuno di essere il più amichevole e aperto al viandante straniero, che, forse, è un dio travestito.”


Nessun commento:

Posta un commento

Archivio blog